Kenya

DAGLI ESORDI A OGGI - L’avventura missionaria in Kenya inizia nel 1997 grazie a padre Alex Zanotelli che invita don Oreste a visitare Korogocho, la baraccopoli di Nairobi in cui operava. Lo stesso anno due incaricati dell’APG23 partono per Soweto, slum più piccolo di Korogocho, insediandosi a Baba Yetu (Padre Nostro), Baraccopoli di Soweto - Kenyala stessa baracca in cui padre Zanotelli aveva vissuto per un anno. Da allora il tempo sembra essersi fermato. In baraccopoli la gente vive tuttora in estrema povertà, senza cibo, medicine né soldi per pagare l’affitto delle misere stamberghe in cui alloggia. Al disagio economico si unisce inevitabilmente un profondo degrado sociale e ambientale, igienico-sanitario e umano.

PERSONE NON NUMERICondivisione in Kenya raggiunge oltre 150 beneficiari, di cui 42 adottati a distanza.

I NOSTRI CENTRI

  • 1 Casa Famiglia, 1 Famiglia Aperta e 2 Case di Accoglienza per persone in difficoltà, in particolare bambini, anziani e disabili
  • 1 Centro per ragazzi di strada

I NOSTRI PROGETTI

Rainbow 

L’intervento di Rainbow Kenya si focalizza sui ragazzi di strada, problema sociale particolarmente acuto negli slum di Nairobi. Il centro residenziale G9 del progetto accoglie una ventina di bambini di strada, garantendo loro sostegno alimentare, scolastico e sanitario. Quando possibile ne promuove il reinserimento in famiglia, valutandone l’idoneità con sessioni di counseling a domicilio sia per i bambini che per genitori e parenti. Il progetto sostiene inoltre una decina di ragazzi iscritti alle scuole secondarie e a corsi professionali mediante il pagamento delle tasse scolastiche, del materiale didattico e del trasporto per raggiungere la scuola.

Altre info@ Rainbow - Kenya

Progetto scuola 

Grazie alle adozioni a distanza 41 bambini e ragazzi hanno la possibilità di ricevere un’istruzione. In particolare il progetto si fa carico del pagamento delle tasse scolastiche per coloro che frequentano scuole private, mentre copre i costi per l’uniforme scolastica (obbligatoria in Kenya), le scarpe e i quaderni per chi è iscritto alle primarie pubbliche.

Enrica LA’ PER NOI - Nata in Provincia di Pesaro nel 1979, Enrica Marcantognini conosce l’APG23 grazie al Servizio Civile, partendo alla volta del Kenya nel 2007. Qui vive per un anno a Baba Yetu, la baracca di cui sopra. Rientrata in Italia, consolida la sua esperienza in APG23 operando come volontaria presso il Servizio Obiezione e Pace, poi in Casa Famiglia e infine in una cooperativa agricola a Macerata in cui sono inserite anche persone disabili. Contemporaneamente prosegue gli studi universitari in “Cooperazione Internazionale” ma il richiamo dell’Africa e del tanto ancora da fare per aiutare quelle povere popolazioni la spinge nel 2010 a trasferirsi stabilmente in Kenya. Dal 2011 è membro effettivo di APG23, per suo conto gestisce una Casa di Accoglienza e tiene i contatti con l’Italia.

PER FARE DI PIÙ E MEGLIO - Chiediamo il vostro aiuto per il Centro G9, in particolare per completare l'impianto solare termico per l'acqua calda, acquistare una lavatrice ed allestire una stanza per la musica con batteria, chitarra elettrica e pianola. 

URGENZE

  • Completamento impianto solare termico euro 2.000
  • Acquisto lavatrice euro 1.300
  • Acquisto batteria ed altri strumenti musicali euro 1.500

Può interessarti anche

Condivisione fra i popoli ONLUS

Via Ausa, 39 - 47853 Cerasolo di Coriano (RN)

tel: +39 0541 50622

fax: +39 0541 708575

mail: segreteria.condivisione@apg23.org

Codice Fiscale: 91014590409

Sei un'azienda?

Scopra cosa può fare con la sua azienda

Leggi tutto

Sei un privato?

Per supportare le nostre attività puoi anche donarci il tuo tempo per volontariato all'estero o prestando servizio civile all'estero
Leggi tutto

Facebook